Home > Dai forum, Debian, Debianizzazione, Gnome, Guide, Linux, LQH, Pacchetti, Ubuntu > Debianizzare un programma Python #23

Debianizzare un programma Python #23

29 giugno 2010

Questa guida a puntate riporterà i passaggi necessari dalla pacchettizzazione fino all’inclusione ufficiale di un software scritto in Python (Gespeaker) su Debian e più avanti su Ubuntu. Ogni giorno per circa un mese sarà descritto un passaggio da seguire per poter debianizzare così un proprio software.

#23 Alla ricerca di uno sponsor – Introduzione

Qui inizia la parte più lunga e difficile di questo percorso, la ricerca di uno sponsor che voglia prendersi carico del nostro pacchetto. Infatti soltanto gli sviluppatori ufficiali Debian (DD) hanno il permesso di prendere un pacchetto sorgente e caricarlo sui server Debian.

E’ quindi assolutamente necessario trovare qualcuno che abbia tale privilegio e possa controllare il pacchetto, richiedere/effettuare eventuali modifiche e infine approvarlo o scartarlo.

Non esiste una procedura universale sempre valida, la sponsorizzazione è un’attività volontaria dei DD quindi non è da escludersi la possibilità che il software non interessi a nessuno e non venga mai sponsorizzato. E’ quindi necessario armarsi di pazienza e seguire tutte le strade possibili per trovare uno sponsor.

Attualmente esistono vari canali non ufficiali per la ricerca di sponsor:

  1. Debian Mentors
  2. PAPT un gruppo dedicato alla pacchettizzazione di applicazioni python
  3. PMPT un gruppo dedicato alla pacchettizzazione di moduli python

Se non si riuscisse a trovare un DD che voglia sponsorizzare il pacchetto è possibile chiedere aiuto ad altri maintainers che possono segnalare cosa c’è di non idoneo nel pacchetto e aiutare a sistemarlo, dando maggiori possibilità di trovare uno sponsor.

Qualunque canale si scelga tenere sempre a mente che si tratta di servizi volontari e di rispettare la netiquette, non inondare i canali e le mailing list di richieste ma aspettare pazientemente una risposta anche una settimana.

La lingua da usare per tutte le comunicazioni è sempre l’inglese.
Data la complessità della questione si consiglia di affrontarla su tutti i fronti contemporaneamente.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: