Home > Comandi Console, Connessioni, Internet, Linux, Sistema, Ubuntu > Cambiare il nome delle schede di rete

Cambiare il nome delle schede di rete

07 aprile 2008

Chi possiede due o più schede di rete si ritroverà le schede numerate secondo un ordine di rilevazione che potrebbe non essere quello sperato. La prima scheda ethernet rilevata assumerà nome eth0, la seconda eth1 e così via; vedremo quindi come riordinare le schede di rete a nostro piacimento e persino assegnargli nomi differenti arbitrariamente.

Nelle precedenti versioni di Ubuntu e in molte altre distribuzioni linux veniva usato il file di configurazione /etc/iftab ma nelle ultime versioni il lavoro viene svolto da udev, un sistema che si occupa delle rilevazioni hardware accoppiate a delle regole.

La regola che si occupa della configurazione di rete è posta su /etc/udev/rules.d/70-persistent-net.rules e richiede unicamente l’indirizzo MAC (Media Access Control) e il nome da assegnare alla scheda.

Prima di apportare modifiche alla regola di udev osserviamo come rilevare il nome attuale e l’indirizzo MAC di ciascuna scheda. All’interno di una finestra di terminale scriviamo il comando ifconfig -a e osserviamo un risultato similare al seguente:

eth0      Link encap:Ethernet  HWaddr 00:20:ED:6D:04:05
inet addr:192.168.1.2  Bcast:192.168.1.255  Mask:255.255.255.0
UP BROADCAST RUNNING MULTICAST  MTU:1500  Metric:1

eth1      Link encap:Ethernet  HWaddr 00:80:C8:F2:42:02
inet addr:192.168.3.5  Bcast:192.168.3.255  Mask:255.255.255.0
BROADCAST MULTICAST  MTU:1500  Metric:1

Possiamo notare che la prima scheda chiamata eth0 possiede indirizzo MAC 00:20:ED:6D:04:05 mentre la seconda eth1 avrà 00:80:C8:F2:42:02. Annotati questi numeri apriamo il file delle regole con:

gksudo gedit /etc/udev/rules.d/70-persistent-net.rules

L’organizzazione del file è molto semplice e a parte i commenti si troveranno delle righe simili:

# PCI device 0x10ec:0x8139 (8139too)
SUBSYSTEM=="net", DRIVERS=="?*", ATTRS{address}=="00:20:ed:6d:04:05", NAME="eth0"

# PCI device 0x10ec:0x8029 (ne2k-pci)
SUBSYSTEM=="net", DRIVERS=="?*", ATTRS{address}=="00:80:c8:f2:42:02", NAME="eth1"

Basterà sostituire il nome della scheda (eth0 e eth1) con i nomi che vogliamo vengano assegnati, ad esempio rinumerando la prima eth1 e la seconda come eth0.

Sebbene sia possibile assegnare anche nomi arbitrari quali rete0 o nic1, si raccomanda di lasciare i nomi ethN poiché alcuni programmi si aspettano di trovar nomi del genere e potrebbero comportarsi in maniera inaspettata.

Apportate le modifiche, salvare il file e riavviare il sistema per utilizzare le nuove schede di rete. Ricordarsi naturalmente di assegnare gli indirizzi alle schede prima di utilizzarle, soprattutto se vi si è cambiato nome.

  1. 07 aprile 2008 alle 10:16

    “Apportate le modifiche, salvare il file e riavviare il sistema per utilizzare le nuove schede di rete.”
    sei certo che bisogna far ripartire tutto? non basta un bel:
    # sudo /etc/init.d/network restart
    .. perche’ riavviare .. mica siamo su winzoz .. eh!!!😀

  2. 07 aprile 2008 alle 21:25

    ehehe casomai sudo /etc/init.d/udev restart

    tuttavia la situazione non e` cosi` semplice
    la procedura corretta implicherebbe prima il networking stop, poi il riavvio di udev e quindi il riavvio di networking perché vengano effettivamente assegnate le nuove interfacce

    inoltre nel caso di bridge si causerebbero impicci molto più lunghi, diventa necessario buttare giù le tap e i bridge prima di buttare giù la rete.. insomma per brevità ho preferito optare per il riavvio ma sapere che non e` strettamente necessario e` una tranquillità😉

  1. 31 ottobre 2010 alle 15:54
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: