Home > Gnome, Guide, Linux, Nautilus Actions, Pacchetti, Ubuntu > Estendere le funzionalità di Nautilus

Estendere le funzionalità di Nautilus

17 marzo 2008

Nautilus Actions

Nautilus, il file manager di Gnome nasce con un numero limitato di attività, generalmente limitate a taglia, copia, incolla, elimina, cestina, rinomina, crea collegamento e poco altro. E’ possibile estendere le funzionalità di Nautilus utilizzando nautilus-actions.

Installiamo quindi il pacchetto nautilus-actions (sudo apt-get install nautilus-actions) e lo ritroveremo nel menu Sistema, Preferenze, Nautilus Actions Configuration.

Sistema, Preferenze, Nautilus Actions Configuration

Il programma di configurazione delle azioni di Nautilus mostra nella finestra le azioni già assegnate e la loro icona.

Vedremo come creare una nuova azione personalizzata per un tipo di file con estensione xyz. Clicchiamo su Aggiungi per avviare la configurazione di una nuova azione.

Nautilus Actions Add a new action Parameter Legend

Verranno richiesti in ordine:

  1. Label: il testo che apparirà nel menu popup
  2. Tooltip: un commento che apparirà sulla barra di stato della finestra di Nautilus
  3. Icon: l’icona che sarà mostrata a fianco della Label
  4. Path: il percorso del programma da eseguire alla scelta dell’azione
  5. Parameters: uno o più parametri che identificano il nome o i nomi dei files scelti

In particolare l’ultimo argomento, i files scelti, può essere esposto in molte forme, meglio spiegate cliccando il pulsante Legend.

Nuova azione per xyzProviamo a preparare una nuova azione per l’estensione xyz. Sul campo Label inseriremo il titolo che apparirà nel menu, su Tooltip inseriremo una breve descrizione dell’azione e scegliamo un’icona dal menu. Su Path immetteremo il percorso completo del programma che desideriamo venga eseguito ed infine su Parameters immetteremo %u che corrisponde al protocollo più il percorso completo del file scelto, generalmente file:///directory/file.

ConditionsSpostiamoci alla scheda Conditions che definisce le condizioni per le quali l’azione verrà mostrata nel menu.

Su Filenames specificheremo il filtro con l’estensione desiderata: *.xyz andrà benissimo per indicare i files che terminano con .xyz. Su Mimetypes possiamo indicare il tipo di file rilevato dal sistema di analisi dei files: */* indicherà qualsiasi tipo di file.

Appears if selection contains consente di decidere se l’azione varrà solo per i files, solo per le cartelle oppure per entrambe ed infine Appears if selection has multiple files or folders consente di decidere se l’azione sarà valida anche per selezioni multiple di files o cartelle.

Advanced ConditionsLa terza scheda Advanced Conditions definisce i protocolli per i quali le azioni saranno mostrate, a scelta tra files locali, attraverso ssh, attraverso condivisioni Samba, attraverso ftp oppure dav. Naturalmente utilizzando altri protocolli il programma che è stato scelto per eseguire un’azione dovrà essere in grado di lavorare con quei protocolli.

Confermata la creazione dell’azione personalizzata, questa sarà mostrata nella finestra di Nautilus Actions. Tuttavia talvolta prima che Nautilus reagisca alla nuova azione è necessario riavviarlo con questi due semplici comandi eseguibili tramite ALT+F2 o terminale:

nautilus -q
nautilus

Menu popup

Fatto ciò un clic col tasto destro sopra un file con estensione xyz mostrerà l’azione Titolo che abbiamo inserito in precedenza. Cliccandoci su sarà eseguito il programma che abbiamo indicato assieme al nome del file scelto.

Vedremo in seguito come creare delle nuove azioni, per tanti programmi e per tante attività utili.

  1. 17 marzo 2008 alle 11:06

    Nautilus Actions non funzionerà più su Ubuntu 8.04 Hardy Heron..
    http://grigio.org/nautilus_actions_sta_essere_abbandonato

  2. 17 marzo 2008 alle 17:22

    Molto interessante muflo! Ti consiglio di vedere anche in questo mio articolo: http://thedevelopers.netsons.org/?p=296 . Sono presenti altri tool per potenziare mr nautilus!

  3. 17 marzo 2008 alle 21:07

    @Luigi
    grazie della segnalazione e peraltro immaginavo ripercussioni con l’arrivo di GIO ma noto nel tuo post successivo un workaround che sarò lieto di segnalare con l’arrivo definitivo di hardy quando lo proverò.
    Emblematica però l’immagine che raffigura l’upgrade da gutsy ad hardy sul tuo sito, con nautilus-actions in bella vista😀
    Piuttosto è molto spiacevole l’abbandono dello sviluppo di n-a da parte dell’autore😦

    @Grey
    utilizzo massicciamente nautilus-actions e pensavo appunto di spiegare prima di che si trattasse, se non lo hai notato ho aggiunto il tag apposito per pubblicare in futuro le future actions che utilizzo abitualmente

  4. BQuadra
    21 marzo 2008 alle 23:27

    Ottimo articolo, avevo giusto delle azioni da creare.

  5. 22 marzo 2008 alle 0:55

    e falle vedere se meritano😀

  6. 24 marzo 2008 alle 12:40

    @Muflone: Ho insistito su #ubuntu-bugs perché il mio workaround fosse applicato.
    Il pacchetto corretto nautilus-actions – 1.4.1-1ubuntu1 è disponibile su https://launchpad.net/~afflux/+archive e quando viene approvato, in Hardy.

  7. Matteo Vidremo
    13 maggio 2010 alle 9:17

    Salve Muflone
    ho letto per la prima volta il tuo UbuntuTrucchi e leggendo subito la sezione Nautilus, meraviglioso

    devo dire che è ben fatto
    ora come ora ho poco tempo da dedicare a Nautilus e altro ma appena finito il progetto a cui sto lavorando ti posto i miei lavoretti se possono interessare sottointeso

    Matteo

    • 13 maggio 2010 alle 20:19

      ciao Matteo

      ho intenzione di riscrivere questa pagina.
      nautilus actions e` cambiato molto con le ultime versioni

  1. 10 giugno 2008 alle 8:33
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: