Home > Connessioni, Gnome, Guide, Linux, Ubuntu, Windows > Condividere le cartelle con Samba

Condividere le cartelle con Samba

01 marzo 2008

Samba

Abbiamo visto come poterci connettere alle condivisioni di Windows per usarle all’interno di Ubuntu. È però altrettanto utile poter condividere le proprie cartelle in rete per consentire ad altri utenti di connettersi al nostro sistema Linux.

Esistono due sistemi di condivisione molto utilizzati:

  • Samba: il sistema compatibile con le condivisioni di Windows
  • NFS: il sistema storicamente usato su Unix e Linux

Per comodità e più possibilità utilizzeremo il servizio Samba: ci consentirà infatti di utilizzare le nostre condivisioni anche su sistemi Windows oltre che Linux.

Avviare Cartelle condivise

La loro configurazione iniziale è estremamente semplice: aprendo il menu Sistema, all’interno della cartella Amministrazione troviamo Cartelle condivise.

Se non abbiamo mai installato né Samba né NFS ci sarà richiesto di installare almeno uno dei due. Come abbiamo detto preferiremo Samba, per cui toglieremo la spunta su Installare il supporto a reti Unix (NFS), lasceremo soltanto il secondo e cliccheremo su Installazione servizi.

I servizi di condivisione non sono installati Scaricamento file dei pacchetti

Verrà avviata automaticamente la procedura per lo scaricamento e l’installazione dei pacchetti. Al termine della procedura torneremo alla finestra di gestione delle condivisioni.

Cartelle condivise Proprietà generali

La finestra è divisa in due schede: la prima chiamata Cartelle condivise mostra le cartelle già condivise mentre la seconda Proprietà generali consente di cambiare il nome del gruppo di lavoro. Quello predefinito è MSHOME.

Cliccando su Aggiungi sarà possibile aggiungere una nuova condivisione: dovremo soltanto scegliere la cartella da condividere, il protocollo (Rete di tipo Windows), il nome da assegnare alla condivisione, un eventuale commento e decidere se la cartella sarà di sola lettura o sarà permessa anche la scrittura. Quest’ultima regola sarà poi sottoposta agli eventuali permessi, ma una condivisione in sola lettura non sarà mai modificabile anche se l’utente è autorizzato alla scrittura.

Condividi cartella paperotto Condividi cartella Examples

Per il nostro scopo aggiungeremo due condivisioni: la cartella home dell’utente paperotto e la cartella Examples dentro la home dell’utente. Quest’ultima sarà segnata come Sola lettura.

Cartelle condiviseConfermato l’inserimento delle due cartelle la finestra delle cartelle condivise ce le mostrerà entrambe. Naturalmente possiamo in ogni momento eliminarle o modificarle.

Fatto ciò il passaggio è quasi completato. Le cartelle sono condivise regolarmente, possiamo già collegarci utilizzando il nome del computer oppure l’indirizzo IP e osservare le condivisioni tramite il menu Risorse, Rete come spiegato su Connettere una condivisione Windows o un sito FTP.

Possono tuttavia capitare alcuni problemi nell’accesso, uno dei quali è dovuto al nome del computer assegnato durante l’installazione. Infatti Ubuntu all’installazione assegna come nome del computer, il nome dell’utente principale seguito da -desktop, ad esempio se l’utente principale è paperotto, il nome del computer sarà paperotto-desktop.

Sebbene questo comportamento può essere modificato in fase di installazione, se è stato assegnato un nome del computer più lungo di 15 caratteri ci saranno problemi nello sfogliare le risorse condivise sia da Windows che da Linux. In una condizione del genere abbiamo due possibilità: la prima è quella di cambiare il nome del computer dalla gestione della rete (network-admin), la seconda invece consiste nel cambiare il nome del computer usato da Samba. Per far ciò è necessario modificare il file smb.conf con questo comando:

gksudo gedit /etc/samba/smb.conf

E inserire all’interno della zona Global:

netbios name = nomecomputer

Nel nostro esempio daremo come nome paperotto, Samba vedrà il computer condiviso con questo nome anziché quello usato dal sistema.

Tramite Linux adesso sarà possibile navigare tra le condivisioni in maniera anonima, senza la necessità di inserire utente e password, ma nella condizione attuale sarà possibile soltanto leggere ma non apportare modifiche ai files o alle cartelle condivise.

Vedremo in seguito come assegnare dei criteri di accesso, come modificare i files delle cartelle condivise e come accedere da sistemi Windows.

  1. emmett
    26 marzo 2010 alle 12:32

    Muflone nn avresti mica una qualche guida da passarmi??? sono proprio a 0 su questa roba, avevo scartato l hosting sul web quindi se hai qualche altro suggerimento :d bhe molto gradito:D grazie cmq:D

    • 26 marzo 2010 alle 13:26

      una guida su cosa?

      • emmett
        30 marzo 2010 alle 15:40

        Praticamnte vorrei poter condividere una cartella che ho su un hd esterno con un paio di amici 8utenti mac) che pero nn sono nella mia lan. Insomma rendere accessibile questa cartella al resto8ipotetico) del mondo. Qualche aiuto????

      • 30 marzo 2010 alle 16:43

        se intendi farlo tramite samba non cambia assolutamente niente rispetto la condivisione in locale.

        ovviamente la macchina dovrà essere raggiungibile tramite internet, quindi o essere dietro un modem oppure nel caso di router, aprire la porta 445 di samba.

        il mio suggerimento è quello di usare altri strumenti quali un server ftp oppure un programma come bashare o gshare

      • 30 marzo 2010 alle 16:45

        ovviamente questa guida su samba si riferisce alle vecchie versioni di ubuntu.

        dalla 8.04 in avanti vale quest’altra procedura
        https://ubuntrucchi.wordpress.com/2008/08/17/condividere-una-cartella-con-samba-su-ubuntu-804/

  2. emmett
    01 aprile 2010 alle 23:25

    e per la creazione di un serve ftp puoi suggerirmi qualcosa§?? nn ricordo se l ho gia scritto cmq la cartella in questione si trova su un hd esterno collegato via usb

Comment pages
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: