Home > Comandi Console, Concetti, Gnome, Guide, Installazione, Internet, Linux, Pacchetti, Sistema, Ubuntu > Installare programmi – I repository

Installare programmi – I repository

24 febbraio 2008

Ubuntu appena installato ha tanti programmi installati ma non tutti quelli di cui potremmo aver bisogno. Ci sono tantissimi programmi, giochi o semplicemente librerie da installare, ci sono programmi di grafica, per la musica, per modificare testi, per programmare, più di uno per ogni esigenza.

Ubuntu è una distribuzione basata su pacchetti e tutti questi pacchetti sono raccolti in alcuni contenitori chiamati repository: CD, siti, cartelle sul file system costituiscono lo spazio dove sono ospitati i pacchetti.

I repository evitano la necessità di andare a pescare il software da mille siti differenti e costituiscono una semplicità per l’utente e una comodità sia per installare che per aggiornare i programmi. Tenere il sistema sempre aggiornato è il primo passo per avere un computer protetto e i repository consentono di aggiornare anche i programmi installati e non solo i componenti del sistema.

Gli sviluppatori o alcuni impacchettatori si creano i loro repository per consentire agli utenti di avere certi pacchetti non presenti o più aggiornati rispetto i repository ufficiali. Ubuntu chiama questi repository come sorgenti software.

E’ possibile aggiungere e togliere sorgenti software tramite il menu Sistema, Amministrazione, Sorgenti software (software-properties-gtk).

Sorgenti software

Sarà richiesta la conferma con la password del proprio utente, trattandosi di un’attività che influenza l’intero sistema. Immetterla quando richiesto.

Software per UbuntuUbuntu possiede 4 repository ufficiali attivabili o disattivabili dalla scheda Software per Ubuntu:

  • Software open source supportato da Canonical (main) contiene le parti principali del sistema operativo ed è tutto quanto ufficialmente supportato
  • Software open source mantenuto dalla comunità (universe) contiene la maggior parte del software, si tratta di tutti i programmi non ufficiali, inviati dagli autori per la distribuzione nei repository ufficiali. Canonical tuttavia non fornisce alcun tipo di supporto per questi software
  • Driver proprietari per i dispositivi (restricted) contiene unicamente drivers sviluppati da terze parti, non open source ma utilizzabili per Ubuntu
  • Software con restrizioni per copyright o motivi legali (multiverse) contengono programmi proprietari, non open source o coperti da brevetti

In questi 4 repository si trovano migliaia di pacchetti pronti da scaricare in molte maniere, tutti quanti testati su Ubuntu, generalmente tutto quel che serve ed è conosciuto come funzionante su Ubuntu sta in questi quattro.

E’ possibile attivare anche i medesimi repository per i pacchetti con sorgenti, ovvero da modificare o ricompilare da noi stessi. Tutti gli altri pacchetti invece sono binari, ovvero già compilati, semplicemente da installare.

Scelta server da cui scaricareCiascuno di questi repository può essere scelto da uno dei numerosi server mirror messi a disposizione, se notiamo un’estrema lentezza nello scaricamento è possibile scegliere un sito differente dalla casella Scaricare da. Scegliendo Altro… sarà mostrato l’elenco dei server e sarà possibile scegliere o preferire la determinazione automatica in base al più veloce per la nostra connessione.

Software di terze partiMediante la seconda scheda Software di terze parti è possibile aggiungere e togliere repository aggiuntivi oltre ai 4 ufficiali, generalmente preparati dai programmatori di un determinato pacchetto o da qualche volontario che li impacchetta. Tutti i repository di terze parti non sono ufficiali e potrebbero contenere software non funzionante, che crea problemi al sistema e persino infetto, quindi attenzione a cosa si decide di installare.

Aggiungere repositoryCliccando Aggiungi sarà aperta una finestra che consente l’immissione di una riga apt, una sorgente software, generalmente fornita dal sito che si decide di aggiungere. Non basta un percorso generico http://nomesito ma ha una forma ben precisa, mostrata in un esempio nella finestra stessa.

AggiornamentiLa terza scheda Aggiornamenti determina il comportamento del sistema di controllo degli aggiornamenti, da quali repository cercarli, ogni quanto tempo cercali (ogni giorno, ogni due giorni, ogni settimana, ogni due settimane) e cosa fare quando vengono rilevati (installarli senza conferma, scaricarli ma non installarli, notificarlo solamente senza installarli).

AutenticazioneLa quarta scheda Autenticazione mostra e consente l’inserimento e l’eliminazione delle chiavi di autenticazione ai repository. Alcuni siti infatti potrebbero aver bisogno di una chiave per l’utilizzo oppure al momento dell’installazione i pacchetti senza una firma potrebbero mostrare un avviso di sicurezza. Le firme scaricate possono essere importate da qui.

Alla chiusura della finestra, se sono state apportate modifiche alle scelte effettuate, sarà richiesto di scaricare l’elenco dei pacchetti presenti sui repository scelti e verranno eliminate le liste di quelli deselezionati. Senza ricaricare le liste, i programmi di gestione dei pacchetti continueranno a vedere le liste vecchie e non potranno utilizzare i pacchetti contenuti nei repository indicati. Si raccomanda di premere il pulsante Ricarica.

Le informazioni sul software disponibile non sono aggiornate Scaricamento delle informazioni sui pacchetti

In tal caso verranno scaricate tutte le liste e analizzate per determinare la presenza di nuovi pacchetti e di aggiornamenti di quelli già presenti.

Scaricamento delle liste dei pacchettiQuest’ultima fase può essere effettuata anche in un secondo tempo da terminale utilizzando il comando:

sudo apt-get update

Saranno mostrati anche in questo caso le liste dei pacchetti scaricati. Quelle che mostrano Get indicano che sono state scaricate, quelle con Ign (Ignored) sono state ignorate in quanto uguali a quelle già scaricate in precedenza.

Le liste dei pacchetti da scaricare può essere modificata sia dalla scheda Software di terze parti vista in precedenza sia modificando il file /etc/apt/sources.list tramite root, ad esempio col comando:

gksudo gedit /etc/apt/sources.list

Al termine della modifica ricaricare le liste dai rispettivi siti come visto in precedenza.

Sia Synaptic, sia Aggiungi/Rimuovi sia apt-get attingono ai repository qui indicati, sono la base da cui questi programmi attingeranno il software da scaricare.

  1. 24 febbraio 2008 alle 12:41

    interessante .. come al solito🙂

  2. 24 febbraio 2008 alle 15:02

    E’ il primo di 6 articoli dedicati all’installazione dei programmi
    Questi apriranno la strada alla ricerca di altri programmi e giochi senza dover spiegare ogni volta come installarli😀

  3. Mario
    11 maggio 2009 alle 19:12

    tutto sulle sources.list: sources.list per ubuntu e derivate, debian e Suse: http://www.sourceslist.eu
    Il repository giusto al momento giusto: http://www.sourceslist.eu/repofinder/

  4. linoloria
    12 maggio 2009 alle 2:26

    ciao scusa ma sono nuovo a ubuntu e volevo chiederti le repositery di medibuntu come devo fare a scaricarle ? ho provato con terze parti ma non mi da aggiungi sorgento . la riga apt inizia con deb http mentre quella che serve a me inizia con sudo . cosa devo fare ?

  5. 12 maggio 2009 alle 13:28

    li trovi entrambi spiegati sul sito ufficiale
    http://wiki.ubuntu-it.org/Repository/NonUfficiali/Medibuntu

    copia e incolla quei comandi nel terminale

  6. Paolo
    04 novembre 2010 alle 17:12

    ciao,
    stavo installando FreeNX e dopo aver digitato i comandi come da wiki:
    sudo add-apt-repository ppa:freenx-team
    poi
    sudo apt-get install pyton-software-properties
    poi
    sudo apt-get update
    avrei dovuto lanciare il comando:
    sudo aptitude install freenx….ma mi dice che aptitude not forund
    Sono in Ubuntu 10.4

    Ciao
    Grazie

  7. 04 novembre 2010 alle 17:28

    non usare aptitude ma apt-get

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: