Home > Gnome, Guide, Installazione, Linux, Sistema, Ubuntu > Mantenere il sistema sempre aggiornato

Mantenere il sistema sempre aggiornato

15 febbraio 2008

Aggiornamenti

Qualunque sistema per mantenere efficienza ed essere al passo coi tempi necessita di essere aggiornato, vengono infatti continuamente scoperte nuove vulnerabilità o errori oppure escono nuove versioni di programmi con nuove funzionalità.

Aggiornare quindi è la soluzione chiave per ottenere il massimo dal software installato e l’avere dei repositories ampi come quelli di Ubuntu non può che essere un aiuto. Tutto il software installato dai repositories può essere aggiornato con facilità seguendo pochi semplici comandi.

Ogni giorno Ubuntu al primo accesso effettua una ricerca di aggiornamenti sui repositories e se vi sono pacchetti aggiornati dei software installati, presenta un avviso.

Disponibili aggiornamenti software
Un semplice click sull’icona in alto avvierà il Gestore degli aggiornamenti.

Avvio del gestore di aggiornamenti
Sarà effettuata la raccolta dei pacchetti da aggiornare.

Gestore aggiornamenti Verrà quindi mostrato un elenco con tutti i pacchetti aggiornabili, con una breve descrizione del loro funzionamento, i numeri di versione installata e aggiornabile e le dimensioni dei pacchetti, singoli e complessivi di tutti quelli scelti. Inoltre per ogni pacchetto è possibile consultare la descrizione dell’aggiornamento che generalmente riporta le modifiche effettuate tra una versione e l’altra e le migliorie apportate.

Sarà possibile installare tutti o solo una parte degli aggiornamenti, ad esempio per risparmiare tempo o traffico internet. Basta mettere la spunta su tutti i pacchetti che si desidera scaricare ed aggiornare e toglierla dai pacchetti che si desidera mantenere inalterati.

Il pulsante Verifica esegue nuovamente la ricerca degli aggiornamenti mediante scansione dei mirror e il pulsante Installa aggiornamenti si occupa di scaricare, installare e configurare i pacchetti scelti.

Inserimento password

Se si sceglie di installarli verrà chiesta la propria password per consentire l’installazione dei nuovi pacchetti.

Scaricamento file dei pacchetti

Verranno inizialmente scaricati tutti i pacchetti scelti e solo al termine saranno installati e configurati. Cliccando sul collegamento in basso Visualizza avanzamento dei singoli file è possibile vedere i dettagli dei singoli file man mano che vengono scaricati.

Scaricamento file dei pacchetti (dettaglio)

Applicazione delle modifiche Al termine dello scaricamento sarà automaticamente avviata l’installazione dei pacchetti aggiornati, ovvero la rimozione delle vecchie versioni e l’installazione delle nuove.

Applicazione delle modifiche (dettaglio)Anche durante l’installazione sarà possibile visualizzare i dettagli delle operazioni svolte e talvolta quando necessario saranno poste alcune domande per la configurazione. Generalmente conviene aprire i dettagli dell’installazione per leggere eventuali errori o messaggi informativi.

Aggiornamento completato

Al termine dell’installazione apparirà la finestra Aggiornamento completato e sarà possibile cliccare su Chiudi per terminare l’operazione di aggiornamento.

Richiesto riavvio del sistema

Installando alcuni pacchetti particolari, ad esempio nuove versioni del Kernel sarà richiesto il riavvio prima di poterli utilizzare. Niente paura, sono davvero pochissimi i pacchetti che richiedono il completo riavvio della macchina e non si tratta di un’operazione obbligatoria.

Richiesto riavvioInfatti cliccando sull’icona di notifica in alto sarà possibile decidere se riavviare immediatamente (ricordatevi di salvare però) oppure se riavviare in seguito e continuare a utilizzare il computer, senza però continui avvisi fastidiosi, familiari a chi usa qualche un altro sistema operativo. Su Ubuntu resterà l’iconcina di notifica in alto a ricordarci che non l’abbiamo ancora fatto.

Informazioni disponibili

Informazioni di aggiornamentoAltre volte, viene presentato un altro genere di avviso, semplicemente informativo. Basterà cliccarvi su per conoscere il contenuto.

In questo caso ci informa che è necessario riavviare Firefox (che era avviato) per poter utilizzare la nuova versione.

Sistema aggiornato

Al termine di tutti gli aggiornamenti saremo informati che il sistema è aggiornato e non richiede ulteriori aggiornamenti.

Sorgenti softwarePrima di chiudere, all’inizio dell’articolo abbiamo detto che Ubuntu controlla ogni giorno se vi sono nuovi aggiornamenti; ebbene questo periodo può essere modificato e anche modificato il comportamento predefinito che ci avverte della presenza degli aggiornamenti. Aprendo il menu Sistema, Amministrazione e quindi Sorgenti software è possibile accedere al pannello di configurazione del sistema degli aggiornamenti.

Sorgenti software

La terza scheda “Aggiornamenti” consente di specificare la frequenza con la quale verranno cercati pacchetti aggiornati e il comportamento da eseguire nel caso ne venissero trovati.

Ad esempio su un computer usato da persone inesperte possiamo assegnare il comportamento che Ubuntu installerà tutti gli aggiornamenti automaticamente e senza che l’utente debba scegliere quali installare, mentre se lasciamo il PC acceso molte ore senza essere presenti possiamo scegliere di scaricarli in background ma non installarli, in modo da averli disponibili per l’installazione al nostro ritorno.

  1. 15 febbraio 2008 alle 12:18

    Personalmente, i check automatici dei varii aggiornamenti non li amo molto. Preferisco andare a mano di shell. Il motivo è molto semplice. Non vado a caricare ogni volta il sistema di lavoro che potrebbe non servire o mandare in lock il file degli aggiornamenti … chissà perchè ma quando hai urgenza di fare un’installazione, è sempre lockato da quelli automatici.

    E poi, senza offesa, penso che sia naturale tenere il sistema aggiornato senza che un qualcosa di automatico lo ricordi

  2. Luca Jonathan Panetta
    19 gennaio 2009 alle 16:51

    Non serve a molto, molti degli aggiornamenti non sono disponibili subito appena escono sui siti ufficiali. Spesso e volentieri è meglio fare tutto a manina.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: